Skip to Content

PRESENTAZIONE


Da sinistra: Sgarbi-Pavarotti-Morandi

Un po’ di storia

La Fondazione per la lotta contro l’infarto è impegnata, con continuità, dal 31 marzo 1990, in prima istanza come “Associazione Per La Lotta Contro L’infarto ONLUS” e dal 2006 fino ad oggi come “Fondazione Per La Lotta Contro L’infarto ONLUS” a sollecitare i cittadini della nostra Provincia affinché si rendano coscienti dell’importanza di conoscere il proprio profilo di rischio cardiovascolare. Informazione utile e necessaria per non subìre infarto e/o ictus inaspettatamente. La Fondazione Per La Lotta Contro L’infarto ONLUS realizza tutto questo, attraverso una capillare diffusione della cultura della prevenzione delle malattie cardiovascolari, con:

  • -conferenze
  • -distribuzione di 16.000 copie annue del Giornale “Difendi il tuo Cuore
  • -ambulatori tenda nelle piazze
  • -progetti nelle Scuole, nelle Società Sportive, nelle Aziende, nei Centri Sociali e Comunità in genere, con eventi di coinvolgimento e partecipazione  dei cittadini, quali la Camminata del Cuore, e manifestazioni varie della salute.

La Promozione della Salute

La prevenzione delle malattie Cardiovascolari, è oggi ritenuta dalla comunità scientifica mondiale, l’unica possibilità per risolvere alla radice il problema dell’aterosclerosi responsabile di infarto, ictus e morte improvvisa con interessamento e costi elevati delle complicanze di tale malattie ( recidive, scompenso cardiaco, fibrillazione atriale, impianti di pacemakers). Questo è il risultato di studi raccolti nel mondo occidentale, dove, nonostante l’eccellenza della terapia che viene praticata nelle strutture ospedaliere per curare le persone ”malate”, il numero dei malati  di questa patologia non solo non si è ridotto ma è in continua crescita, in Italia 150.000 nuovi infarti al cuore/anno con inerente successiva invalidità e 250.000 ictus/anno, con 50.000 gravi invalidi ogni anno) . Se non si vuole rincorrere i soggetti malati, che comunque devono essere curati anche se sempre in ritardo, bisogna provvedere perchè i cittadini non si ammalino. E questo può essere realizzato esclusivamente con una prevenzione efficace e diffusa.

Come da letteratura mondiale specifica, si è documentato che la prevenzione primaria può comportare la riduzione fino al 90% della patologia cardiovascolare di origine aterosclerotica (Inter Heart); inoltre sempre dalla letteratura mondiale (OMS), si sa che la riduzione della colesterolemia totale di 10 mg% si traduce nella riduzione del rischio cardiovascolare del 20%; da un recente studio pubblicato su “Canadian Medical Association Jurnal”, la riduzione di LDL Colesterolo di 5 mg% si traduce in una riduzione del rischio cardiovascolare del 5-6%.

Dalla letteratura mondiale quindi si conferma che la strada per ridurre la patologia cardiovascolare è solo l’intervento di prevenzione, tale conclusione ci è stata direttamente confermata dal Segretario Generale OMS Europa.

Da queste premesse nasce l’impegno della Fondazione oltre che a diffondere la cultura della vita sana, anche a verificare in concreto il profilo di rischio cardiovascolare, gratuitamente, per ogni cittadino che vuole vivere in salute.

La nostra “Mission”

 La “Mission” si inserisce in un progetto di salute che a nostro parere deve costituire il primo intervento da realizzare nel piano Socio-Sanitario in quanto la riduzione percentualmente elevata della malattie cardiovascolari (come su riferito fino a – 90%), unitamente alla contemporanea importante riduzione sia della malattie tumorali che della patologia degenerativa senile (Alzheimer compreso), significheranno sia beneficio per il cittadino ma anche importante riduzione dei costi sociali (morte precoce, assistenza per l’acuzie della malattia ed invalidità).

Il principio che guida i programmi e le attività della Fondazione, è il confronto degli obiettivi e dei risultati raggiunti, presentando le attività svolte da un punto di vista economico e da un punto di vista associativo, ed evidenziando il valore delle iniziative che concorrono a diffondere:

  • -la corretta informazione sulle cause
  • -le azioni di prevenzione (primaria e secondaria)
  • -le tematiche connesse ai diritti alla salute delle persone

Organigramma

PRESIDENZA Dott. Ernesto Sgarbi
VICE PRESIDENZA Gen. Luigi Lilliu
CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Rag. Piergiorgio Cascino – Ing. Daniele Livi – Dott. Massimo Marchi – Avv. Roberto Pazzi – Dott.ssa Giovanna Giordano Calapai – Dott. Vincenzi Gabriele
DIREZIONE AMMINISTRATIVA Sig. Pino Mainieri
SEGRETERIA Dott.ssa Simona Orciani
COMITATO SCIENTIFICO Dott. Bersigotti Giovanni  (Pesaro) – Dott. Boccanelli Alessandro (Roma) – Dott. Bocconcelli Paolo (Pesaro) – Dott. Bracci  Roberto (Pesaro) – Dott. Chieffo Carmelo (Napoli) – Dott. Di Pasquale Giuseppe (Bologna) – Dott. Martines Carlo (Padova) – Dott. Perna Gian Piero (Ancona) – Dott. Schweiger Carlo (Milano) – Prof. Sgarbi Ernesto (Pesaro) – Dott. Tarsi Giovanni (Pesaro) – Dott.ssa Urbinati Maria Claudia – Dott.ssa Zadra Annalisa (Pesaro)
COLLEGIO SINDACALE Eros Battistoni ( Presidente) – Stampacchia Carmine ( Sindaco effettivo)  – Sinibaldi Giuliano (Sindaco effettivo)
STAFF MEDICO Dott.ssa Pennetti Patrizia (centro prevenzione) – Dott.ssa Marchionni Valentina (centro prevenzione)  Dott.ssa Ricci Lisa (progetto scolastico) – Dott.ssa Bergamaschi Roberta (progetto scolastico)  – Dott.ssa Zadra Annalisa (Psicologa – Psicoterapeuta)
VOLONTARI E COLLABORATORI Ricci Anna Maria – Vincenzetti Otello  – Zadra Giuliana – Toti Guidino – Brunamonti Antonella – Barulli  Valentina – Bernabucci Mirella – Rossi Patrizia  – Tontini Delio – Pazzaglia Anna Maria – Moroni Lorenzo – Perfetti Luciana

.